Itinerario per la visita dei laboratori dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), dell’Istituto Oncologico di Ricerca (IOR) e dei laboratori di ricerca traslazionale dell’EOC (LRT-EOC)

 

Piano terra 

Bios+ - Sala Seminario - Filmato di benvenuto - Andrea Nava

Saluto di benvenuto e proiezione di un filmato che illustra alcuni aspetti della ricerca svolta dai laboratori IRB, IOR e LRT EOC.

Bios+ 034 - Citometria a flusso - Dr. David Jarrossay 

Questo strumento permette di individuare e separare fisicamente specifici tipi cellulari in base alla loro forma e a caratteristiche. Le cellule in sospensione in una soluzione passano davanti a più laser e ogni cellula viene analizzata. In base a queste analisi, le cellule vengono separatamente raccolte per tipi cellulari di interesse e ulteriormente analizzate.

Bios+ 037 - Struttura per l'espressione genica e la produzione di proteine (GEPP) - Dr. Roshan Takur 

Il GEPP aiuta i ricercatori con la biochimica cellulare, l’espressione e la produzione di proteine, ma sviluppa e valuta anche nuove tecniche di produzione e purificazione di proteine. 

Bios+ 040 - Genomica - Dr. Andrea Rinaldi

“L’intero genoma in poche ore”. I sequenziatori permettono lo studio del codice genetico (DNA) e dell’espressione dei singoli geni (RNA). Identifica mutazioni genetiche nei tumori e caratterizza le cellule immunitarie.

Bios+ 042/043 - Microscopia a fluorescenza - Prof. Marcus Thelen

Questo strumento permette di analizzare e quantificare la distribuzione di proteine nelle cellule, e di cellule nell’organismo. Per esempio, viene utilizzata per studiare come le cellule si muovono a seguito di un’infezione.

Bios+ 044 - Lavaggio e sterilizzazione - Lisa Pasteris

Dopo l’esperimento, la vetreria e piccoli strumenti, come forbici e pinzette, vengono lavati e sterilizzati. Un indicatore chimico è apposto per verificare l’avvenuta sterilizzazione.

Bios+ 060 - Spettometria di massa - Dr. Matteo Pecoraro

Questo strumento permette l’identificazione di sostanze sconosciute e l’analisi di tracce di sostanze. Si basa sulla possibilità di separare una miscela di ioni in funzione del loro rapporto massa/carica generalmente tramite campi elettromagnetici. È la metodologia principale nella proteomica, ovvero lo studio delle proteine. 

 

1° piano - lato IOR/LRT-EOC

LRT-EOC 100 - Cardiologia – Prof. Lucio Barile, Prof. Giuseppe Vassalli

Il laboratorio studia i meccanismi cellulari alla base delle malattie cardiovascolari e i possibili approcci terapeutici. Dispone di una tecnica cellulare per ottenere in vitro cardiomiociti umani (cellule funzionali del cuore) e ricreare modelli patologici in laboratorio. Il laboratorio è specializzato nello studio di vescicole extracellulari (microvescicole secrete dalle cellule), per studiarne il possibile ruolo come agenti terapeutici e/o diagnostici.

LRT-EOC 100 - Neurologia – Prof. Giorgia Melli, Prof. Paolo Paganetti

Il laboratorio è specializzato nello studio delle malattie neurodegenerative tipiche dell'invecchiamento.  Con approcci multidisciplinari, i gruppi di ricerca studiano le proteine associate alla neurodegenerazione: non solo il loro ruolo nella malattia ma anche il loro potenziale come biomarcatori diagnostici.

LRT-EOC 102 - Laboratorio di Tecnologie per la Medicina Rigenerativa – Prof. Matteo Moretti

Il laboratorio si occupa dello sviluppo di modelli 3D del tessuto muscolo-scheletrico per lo studio di metastasi, sarcoma di Ewing, fibrosi muscolare e patologie degenerative delle articolazioni. I modelli sono ottenuti attraverso tecniche di stampa 3D e biofabbricazione partendo da cellule di pazienti e consentono di testare nuovi farmaci.

LRT-EOC 111 - Chirurgia Prof. Giandomenica Iezzi

Il gruppo studia l'interazione tra il microbiota intestinale e il sistema immunitario in patologie del tratto gastrointestinale o sistemiche, allo scopo di identificare nuovi biomarcatori predittivi di prognosi o di risposta alla terapia e di sviluppare trattamenti innovativi basati sulla modulazione del microbiota intestinale.

LRT-EOC 111 - Epatologia - Prof. Andrea De Gottardi

Il focus di ricerca di questo laboratorio è l’asse intestino-fegato ed in particolare il ruolo del microbiota intestinale nelle malattie epatiche e nello sviluppo dell’ipertensione portale.

LRT-EOC 111 - Nefrologia - Prof. Pietro Cippà

Il laboratorio studia i meccanismi di riparazione del rene e i fattori che determinano la progressione verso le malattie renali croniche.

IOR 112 - Oncologia molecolare - Prof. Andrea Alimonti 

Il laboratorio studia i meccanismi molecolari e i processi immunitari responsabili del cancro e dell’invecchiamento. Le scoperte hanno consentito l’identificazione di nuove molecole efficaci nel contrastare la progressione del tumore alla prostata e l’attivazione di diversi studi clinici per individuare nuove terapie.

Itinerario per la visita dei laboratori dell’Istituto di Ricerca in Biomedicina (IRB), dell’Istituto Oncologico di Ricerca (IOR) e dei laboratori di ricerca traslazionale dell’EOC (LRT-EOC).

 

1° piano - lato IRB

IRB 120  - Immunologia molecolare - Dr. Silvia Monticelli 

Il laboratorio studia i meccanismi di espressione dei geni, per capire come le cellule del sistema immunitario sono regolate durante le loro funzioni normali e patologiche. Il laboratorio studia in particolare il DNA e l’mRNA.

IRB 121 - Controllo di qualità della produzione proteica e malattie rare - Prof. Maurizio Molinari 

Il laboratorio studia i motivi del malfunzionamento delle proteine mutate e possibili interventi terapeutici per riattivarle e curare la malattia. Le malattie studiate nel nostro laboratorio sono i deficit di alpha1-antitripsina e malattie da accumulo lisosomiale (Gaucher, Hunter, GM1 gangliosidosi, sindrome Morquio B).

IRB 123 - Meccanismi di ricombinazione - Dr. Petr Cejka  

Il laboratorio studia le basi dei meccanismi di riparazione del DNA per capire come questi funzionano in cellule sane e come i difetti associati a questi meccanismi sono responsabili di disordini genetici e diverse patologie. Uno degli interessi principali è lo studio di un meccanismo di riparazione del DNA chiamato Ricombinazione Omologa.

IRB 130 - Immunologia dei sistemi - Prof. Roger Geiger 

Il laboratorio studia la risposta immunitaria contro il cancro. Le cellule T che si infiltrano nei tumori sono spesso esaurite e non funzionano correttamente. Abbiamo sviluppato un metodo ad alta processitività basato sull’utilizzo di piccole droplets (microfluidica). Tale approccio ci permette di studiare milioni di cellule T in parallelo e individuare quelle che riconoscono cellule tumorali.

IRB 131/132 - Immunologia cellulare e Centro immunologia medica - Prof. Federica Sallusto

Il laboratorio studia la risposta immunitaria nell’uomo ed in particolare i linfociti T. L’obiettivo è quello di comprendere i meccanismi della funzione e della disfunzione immunitaria e di tradurre i risultati di base nell’ambito medico. 

IRB 133 – Trasduzione del segnale - Prof. Marcus Thelen

Il laboratorio studia il ruolo di recettori atipici delle chemochine che mediano la degradazione delle chemochine e promuovono la migrazione delle cellule. In particolare, il gruppo di ricerca è interessato al recettore atipico e alla sua funzione nello sviluppo dei tumori.

 

2°  piano - lato IOR

IOR 200 - Epatologia sperimentale - Prof. Davide Rossi 

Il laboratorio studia le lesioni genetiche dei tumori a cellule B mature con l’obiettivo di definirne la patogenesi molecolare. Questo permette di perfezionare la diagnosi e di definire la risposta farmacologica o un’eventuale ricaduta del paziente. 

IOR 203 - Immunoterapia del cancro - Dr. Arianna Calcinotto 

Il laboratorio studia l’interazione tra le cellule tumorali, i batteri tessutali e le cellule del sistema immunitario infiltranti il tumore, nell’insorgenza, nella progressione e nei meccanismi di resistenza alle terapie del cancro al seno. Tali studi hanno lo scopo di sviluppare nuove terapie per il trattamento di pazienti affetti da cancro al seno ormone-dipendente e per la prevenzione negli individui con mutazione BRCA.

IOR 202 - Genomica dei linfomi - Prof. Francesco Bertoni 

Il laboratorio studia i linfomi, tumori derivati dalle cellule del sistema immunitario. Le ricerche sono focalizzate sull’identificazione di nuove terapie contro questi tumori e su come migliorare la risposta alle terapie già in uso. Il laboratorio studia inoltre alcuni tipi di “RNA non codificanti”, cioè molecole prodotte a partire dal DNA ma che non danno origine a proteine, ed il loro il ruolo nella risposta alle terapie. 

IOR 210 - Biologia del cancro prostatico - Dr. Giuseppina Carbone 

Il laboratorio studia i meccanismi molecolari che controllano lo sviluppo e la progressione del cancro alla prostata. Inoltre, si stanno esplorando nuovi biomarcatori nel sangue dei pazienti, che consentano di diagnosticare e monitorare la progressione della malattia senza tecniche invasive. 

IOR 210 - Oncologia sperimentale - Prof. Carlo Catapano 

L’obiettivo delle ricerche condotte dal laboratorio è la scoperta di strategie innovative per la terapia dei tumori basate su una profonda conoscenza dei processi genetici, epigenetici e metabolici e delle loro complesse interazioni alla base dello sviluppo del cancro e della sua evoluzione clinica e biologica.

IOR 211 - Genomica funzionale del cancro - Prof. Jean-Philippe Theurillat 

Il laboratorio studia i meccanismi molecolari che controllano lo sviluppo e la progressione del cancro alla prostata. Inoltre, si stanno esplorando nuovi biomarcatori nel sangue dei pazienti, che consentano di diagnosticare e monitorare la progressione della malattia senza tecniche invasive. 

 

2°  piano - lato IRB 

IRB 220 - Biologia strutturale - Dr. Luca Varani 

Il laboratorio usa tecniche biochimiche, biofisiche e computazionali per capire come gli anticorpi riconoscano e sconfiggano i patogeni al fine di migliorare anticorpi esistenti o progettarne di nuovi. Comprendere il funzionamento degli anticorpi ha anche rilevanza per lo sviluppo di vaccini. 

IRB 221 - Immunologia mucosale - Prof. Fabio Grassi 

Il laboratorio studia i meccanismi che regolano la risposta e il repertorio delle immunoglobuline A (IgA) a livello mucosale. Questi anticorpi svolgono un ruolo centrale nella relazione tra organismo e batteri nell’intestino, proteggendo dai patogeni intestinali e promuovendo un microbiota benefico. 

IRB 222 - Infezione ed immunità - Ddr. Santiago F. González

Il laboratorio studia la risposta infiammatoria che segue l’infezione all’innescare di un tumore metastatico. Gli interessi principali di ricerca sono le risposte immunitarie innate e adattative ai patogeni respiratori ed i meccanismi con cui il sistema immunitario innato riconosce sia i patogeni che le cellule tumorali.

IRB 223 – Meccanismi del sistema immunitario - Prof. Greta Guarda 

Il laboratorio studia nuovi meccanismi molecolari che regolano l’espressione del complesso maggiore di istocompatibilità di classe I, così come la funzione ed il metabolismo dei linfociti nel contesto di patologie infettive o tumorali. Sono utilizzati approcci genetici, genomici, biochimici, molecolari e modelli traslazionali.

IRB 230/231 - Biologia strutturale computazionale - Dr. Andrea Cavalli

Il laboratorio studia il ruolo giocato da struttura e dinamica nella definizione della funzione di biomolecole. Per svolgere la loro funzione, proteine e altre molecole biologiche subiscono una serie di cambiamenti che richiedono un preciso equilibrio tra flessibilità e stabilità. Variazioni, sono spesso all’origine di gravi malattie.

IRB 232 - Chemochine ed immunità - Prof. Mariagrazia Uguccioni 

Il laboratorio studia come le cellule del sistema immunitario si muovono all’interno del corpo richiamate da piccole molecole: le chemochine. Glu studi sul traffico delle cellule del sistema immunitario hanno lo scopo di favorire lo sviluppo di nuove terapie contro infezioni e malattie infiammatorie croniche.

IRB 233 – Immunologia e malattie infettive - Prof. Davide Robbiani 

Il laboratorio studia i linfociti B, un tipo di cellule fondamentali per la difesa immunitaria perché producono anticorpi, la chiave dell’efficacia della maggior parte dei vaccini. Il laboratorio mira a capire come si formano gli anticorpi e come sviluppare nuove immunoterapie. Inoltre, insieme a ricercatori dello IOR, il laboratorio studia la biologia dei tumori derivanti dai linfociti B (leucemia, linfoma e mieloma multiplo).